Le origini del mentoring

“Mentore” è una parola di forte impatto emotivo, capace di suscitare in noi ricordi indelebili e sensazioni profonde. Quando la sentiamo ci viene subito in mente il viso di un amico, un collega, un capo, un parente che ci ha aiutato a diventare quello che siamo oggi. Eppure non tutti sanno che la parola “mentore” deriva dal nome di un personaggio dell’Odissea molto meno popolare dei tanti eroi e personaggi mitici cantati da Omero. Prima di partire per la guerra di Troia, Ulisse, re di Itaca, affida l’educazione del piccolo Telemaco al saggio ed esperto consigliere Mentore. L’etimologia greca del nome rivela l’importanza del compito: la radice “man”, che vuol dire pensare o conoscere, di unisce al suffisso “tor”, il soggetto di una determinata azione. Mentore significa insomma “colui che sa” o “colui che pensa”…

Il primo modulo formativo di “Vocazione Mentore” è dedicato alla ricerca delle origini della figura del Mentore nella tradizione culturale occidentale ed orientale nel corso di oltre 4000 anni. Scopriremo insieme come si è evoluta la nobile ed antichissima pratica del mentoring per coglierne appieno le interessanti opportunità che offre a coach, formatori e manager nella complessa realtà odierna.

La prossima edizione di “Vocazione Mentore” è in partenza il 18 settembre 2020. Per ulteriori informazioni visita la nostra pagina dedicata.

Vocazione Mentore consente di accedere al livello di competenze riconosciuto come EQA Practitioner da EMCC – European Mentoring & Coaching Council, la più grande associazione in Europa in questo settore.

Da dove viene il termine “Coaching”?

Bob Garvey, Paul Stokes e David Megginson, citando The Oxford Reference Online, fanno risalire l’origine del termine “coaching” nella lingua inglese al romanzo “Pendennis” di William Thackeray, pubblicato nel 1849. In un suo passo, infatti, mentre stanno tornando all’Università su un calesse trainato da cavalli, un gruppo di studenti intrattengono la seguente conversazione:

“I’m coaching there”, said the other, with a nod. “What?” asked Pen, and in a tone of such wonder, that Foke burst out laughing, and said, “He was blowed if he didn’t think Pen was such a flat as not to know what coaching meant.” “I’m come down with a coach from Oxford. A tutor, don’t you see, old boy? He’s coaching me, and some other men, for the little go.”

B. Garvey, P. Stokes, D. Megginson, Coaching and Mentoring, Theory and practice, Sage publications seconda edizione 2014

Da lì a pochi anni, il termine “coaching” comincia ad essere comunemente utilizzato per indicare l’attività di supporto agli studenti universitari, parallela al tutoring istituzionale, svolta da colleghi, ricercatori o accademici volenterosi.

Frank E. Smedley parla della propria esperienza del coaching mettendone in contrasto gli straordinari effetti con il carattere colloquiale, se non irriverente, del neologismo:

“Besides the regular college tutor, I secured the assistance of what, in the slang of the day, we irreverently termed “coach”, which vehicle for the conveyance of heavy learning (from himself to his pupils), consisted of a gentleman, who but few years older than those whom he taught, possessed more practical knowledge, and a greater aptitude for his highest scientific reasearch, than it had ever before been my fate to meet with combined in one individual. Under his able tuition I advanced rapidly”.

Smedley F. E., Frank Farleigh; or Scenes From the Life of a Private Pupil, Virtue Brothers and Co. 1866


Il 5 Settembre alle 21, durante webinar di presentazione del programma Vocazione Mentore, discuteremo con Cristiano AbbateEMCC Global Individual Programme Manager Accreditation (IPMA), Practitioner level – e Rossella PinICF Master Certified Coach & Registered Mentor, EMCC European Individual Award Senior Practitioner – chiedendoci se tutti i coach possono essere mentori. Clicca il bottone qui sotto per aggiungere il webinar al tuo calendario.

Aggiungi al tuo calendario!

Webinar: Presentazione del corso Vocazione Mentore

“Mentore” è una parola di forte impatto emotivo, capace di suscitare in noi ricordi indelebili e sensazioni profonde. Quando la sentiamo ci viene subito in mente il viso di un amico, un collega, un capo, un vicino di casa o un nonno che, nel nostro passato, ci ha aiutato a diventare gli uomini e le donne che siamo oggi.

Essere Mentori oggi, significa contribuire al promettente futuro di una delle metodologie formative dalle radici più nobili ed antiche.

Vocazione Mentore è il primo corso teorico-pratico di perfezionamento in Italia specificatamente dedicato ai coach che vogliono diventare mentori. Il programma inizia dai fondamenti teorici del “sapere il mentoring”, passa poi all’apprendimento dei più utili strumenti da inserire nella propria cassetta degli attrezzi per “saper fare il mentore”, arrivando infine a padroneggiare le competenze necessarie ad “essere mentori”. Alla fine, i “mentori per vocazione” saranno in grado di mettere a disposizione dello sviluppo dei propri clienti l’esperienza accumulata durante la propria carriera professionale ed i propri valori.

In questo webinar, Cristiano Abbate – Mentoring Programme Manager – e Rossella Pin – ICF Master Certified Coach & Registered Mentor, EMCC European Individual Award Senior Practitioner – ci accompagneranno alla scoperta del mentoring e del programma Vocazione Mentore.

Come e Quando

Ci sono due opportunità per partecipare a questo webinar. Ovviamente puoi partecipare a più date; ogni conversazione sarà unica come le persone che vi parteciperanno.

  • Giovedì 25 luglio 2019 alle 21:00
  • Giovedì 29 agosto 2019 alle 21:00

Il webinar durerà un’ora e verrà erogato utilizzando la piattaforma Zoom e potrai partecipare dal tuo computer, tablet o smartphone. Iscriviti utilizzando il form qui sotto e ti invieremo le istruzioni per partecipare.

[ninja_form id=2]

Webinar: Le radici del mentoring

Un viaggio tra modelli e migliori pratiche alla scoperta delle competenze dei mentori – Modulo introduttivo al corso di formazione “Vocazione Mentore”.

Non tutti sanno che la parola “mentore” nasce agli albori della cultura occidentale, fra i miti e gli eroi cantati da Omero nell’Odissea.
È infatti proprio a Mentore che Ulisse affida il giovane figlio Telemaco prima di partire per la guerra di Troia. Il mito vuole che attraverso Mentore parlasse Atena, la dea della saggezza.

“Mentore” è una parola di forte impatto emotivo, capace di suscitare in noi ricordi indelebili e sensazioni profonde. Quando la sentiamo ci viene subito in mente il viso di un amico, un collega, un capo, un vicino di casa o un nonno che, nel nostro passato, ci ha aiutato a diventare gli uomini e le donne che siamo oggi.

Dopo il Mentore dell’Odissea, altri personaggi, pur non essendo stati chiamati formalmente “mentori”, hanno contribuito nei secoli a dare forma e sostanza a quello che oggi chiamiamo “mentoring”. Da Socrate a Confucio, dai guru indiani ai rabbì ebrei, dai maestri di bottega ai manager di grandi gruppi industriali, il mentoring ha attraversato un processo di sviluppo lento e costante, fino ad assumere i connotati di una metodologia formativa di eccezionale successo nei contesti più diversi.


Scopri di piú sul programma Vocazione Mentore nella pagina dedicata.


Il 5 Settembre alle 21, durante webinar di presentazione del programma Vocazione Mentore, discuteremo con Cristiano Abbate – EMCC Global Individual Programme Manager Accreditation (IPMA), Practitioner level – e Rossella Pin – ICF Master Certified Coach & Registered Mentor, EMCC European Individual Award Senior Practitioner – chiedendoci se tutti i coach possono essere mentori. Clicca sul bottone qui sotto per aggiungere il webinar al tuo calendario.

Aggiungi al tuo calendario!