OBIETTIVI SMART PER MIGLIORARE LA PROPRIA PRODUTTIVITÀ

Nelle relazioni di Mentoring, così come nel Coaching, il primo step consiste nello stabilire quale obiettivo raggiungere. Si tratta di un procedimento articolato, soprattutto quando coinvolge un team od un gruppo di partecipanti. Non è immediato sapere dove vogliamo arrivare e cosa vogliamo ottenere!

Agli inizi degli anni ’80, George T. Doran creò un modello di definizione dell’obiettivo coniato con l’acronimo SMART , al fine di promuovere lo sviluppo e la crescita aziendale. Secondo Doran, un OBIETTIVO, per essere valido, deve essere SMART ovvero:

  • Specific (specifico): è necessario indicare ogni singolo dettaglio;
  • Measurable (misurabile): l’obiettivo viene identificato attraverso un’unità di misura variabile a seconda del contesto e della persona;
  • Agreed (concordato): concordato, stabilito;
  • Realistic (realistico): possibile da realizzare;
  • Time-based (temporalmente definito): raggiungibile in un tempo determinato.

Definito l’obiettivo secondo questo schema, esso sarà completo e condurrà al risultato positivo prefissato!

Nonostante sia nato in un contesto aziendale, l’obiettivo SMART può essere applicato con successo in diversi ambiti, i quali variano dal Mentoring individuale, ad ambiti aziendali e fino al mondo scolastico e degli adolescenti.

Qual è il vostro obiettivo SMART?

All’interno di The Lab potete trovare strumenti per aiutare voi e i vostri clienti a creare obbiettivi SMART ed efficaci.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *